Mondo Nuovo Caritas

L’Associazione Mondo Nuovo Caritas (già Associazione Point Provinciale del Servizio Civile) è nata per promuovere nella realtà sociale, anche a partire dalle esperienze di Servizio Civile, espressioni fattive di impegno nel campo della prevenzione e del contrasto al disagio e all’emarginazione nelle più diverse forme che si presentano nella realtà sociale del nostro territorio. Promuove inoltre esperienze di solidarietà e volontariato nel campo dell’animazione, sensibilizzazione e formazione giovanile, con particolare attenzione alle realtà aggregative ecclesiali, alle scuole di ogni ordine e grado e ai gruppi giovanili ovunque costituiti. Dalle sue origini l’Associazione si è impegnata in percorsi di promozione e sensibilizzazione ai valori della gratuità e dell’impegno civico nei confronti della società e dei singoli individui, sia attraverso interventi diretti nei confronti di persone in difficoltà, sia attraverso momenti formativi, eventi e manifestazioni di sensibilizzazione ai temi della solidarietà e del volontariato.
In coerenza con questa mission ha promosso a partire dal gennaio 2009 un centro di documentazione sulle tematiche attinenti al volontariato, alla povertà, alle problematiche legate ai percorsi migratori, al disagio sociale, al Servizio Civile, all’educazione alla pace e alla nonviolenza, alla cittadinanza attiva, alla mondialità, al consumo critico e responsabile, alla tutela ambientale e alle politiche giovanili.
A partire dalla sua nascita la nostra Associazione ha promosso diverse iniziative e ha portato avanti, sia come capofila che in partenariato o in rete, diverse progettualità collegate ai suoi scopi e alle sue finalità come definite nello Statuto:
– ha collaborato con i suoi volontari a tutte le iniziative di solidarietà promosse dalla Caritas diocesana della Spezia, in particolare ha supportato le attività sociali e di promozione della persona portate avanti dagli operatori e dai volontari dei due Centri di Ascolto diocesani e la Comunità dell’Orto alla Spezia;
– ha collaborato con l’Associazione Amici del Popolo Saharawi per l’organizzazione dei periodi di accoglienza estiva dei bambini provenienti dai campi profughi dell’Algeria;
– si è impegnata nella proposta di percorsi educativi e formativi con destinatari giovani, adulti, famiglie, parrocchie, studenti, insegnanti, gruppi giovanili ed associazioni;
– si è impegnata in diversi progetti di Servizio Civile Regionale, in rete con altre associazioni di volontariato con destinatari gli alunni degli Istituti Secondari di secondo grado della provincia della Spezia;
– nell’ambito della progettazione di Servizio Civile Regionale l’Associazione ha partecipato ad alcuni bandi sperimentali di servizio civile con destinatari giovani in percorsi di giustizia e giovani svantaggiati rispetto ai requisiti di ammissibilità ai bandi di Servizio Civile Nazionale (stranieri, persone in disagio e diversamente abili);
– ha promosso, in collaborazione con la Caritas diocesana della Spezia, presso Casa Massà a La Spezia un doposcuola per bambini degli istituti primari di primo e secondo grado del centro città in sostegno del percorso scolastico. In particolare il doposcuola ha accolto bambini con problemi di apprendimento in maggioranza di nazionalità non italiana (cinesi, ecuadoregni, domenicani, russi, colombiani, venezuelani);
– ha collaborato con la Caritas diocesana della Spezia alla realizzazione dei progetti di Servizio Civile Nazionale presentati dalla Caritas, per il tramite di Caritas Italiana, all’ufficio Nazionale del Servizio Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri;
– in collaborazione con il Gruppo Regionale Educazione alla Pace e alla Mondialità della Delegazione delle Caritas Liguri e in affiancamento agli operatori della Caritas diocesana della Spezia l’Associazione ha partecipato alle due edizione del progetto “La Pace di corsa”. Questo progetto ha l’obiettivo di sensibilizzare gli studenti delle scuole primarie di secondo grado e delle scuole secondarie di primo grado della provincia della Spezia rispetto al tema dei minori in difficoltà (bambini soldato e bambini sfruttati nel lavoro in miniera) nel paesi del sud del mondo.